Alessandro Mannarino, Al Monte tour

alessandro mannarino 2011"Per una notte di vino pagherò cento giorni d'aceto". Le canzoni di Alessandro Mannarino sono veri e propri canti popolari che fischiettando, arrivano dritti al cuore. Stornelli romani influenzati dai vecchi e -a noi- cari canti dell'Italia Meridionale.

È quella voce roca che puoi avere solo dopo aver bevuto whisky d'annata e qualche sigaretta di troppo a rendere il suo stile semplicemente unico nel suo genere: un intricato misto tra un concerto jazz e una sagra del Sud del nostro Paese.

Alessandro Mannarino inizia la sua attività di cantautore nel 2001, esibendosi in bizarre session nel quartiere Monti di Roma. Nel 2006, con la band Kampina, si esibirà nei migliori club della capitale e nel 2008, anno in cui avverrà il consolidamento ufficiale del successo dell'artista, suonerà al Festival Jazz a Villa Celimontana e si esibirà al Teatro Cometa con il monologo Tevere Grand Hotel e andrà in scena all'Ambra Jovinelli con lo spettacolo Agostino, Tutti contro tutti.

Nel 2009 esce il suo primo album da solista, Il Bar della Rabbia, distribuito dalla Universal Music e finalista al premio Gaber e al Premio Tenco nella sezione Miglior opera prima.

Alessandro Mannarino, inoltre, collabora con Fandango alla realizzazione di musiche da film.

Dopo Supersantos e Capitolo Uno (cofanetto che raccoglie i primi due dischi più il brano inedito "Vivere la Vita") a Maggio 2014 esce Al Monte, il suo terzo album discografico in studio.

È proprio questo il progetto che Mannarino sta presentando, da Luglio, in giro per l'Italia. "Canzoni scritte per immagini...", dice l'artista romano parlando del suo nuovo album, "...immagini che passano però attraverso le parole".

Al Monte, per noi, è una ballata a piedi scalzi in dialetto romanesco, i cui testi sembrano vere e proprie poesie stile Trilussa ispirate alla vita notturna dei quartieri romani stile Monti e San Lorenzo. Un sound che descrive perfettamente, con ironia e con un pizzico di bene accetto romanticismo, i pregi e le debolezze dell'Italia e di Roma, la sua Santissima Città.

Vi lascio con il link dell' ultimo album ----> Ascoltalo su Youtube che continua a risuonare nelle fresche giornate romane di fine estate e nelle case delle periferie della capitale...

... E con i dettagli delle prossime date del tour. A Roma il concerto si terrà Giovedì 11 Settembre al Foro Italico. I biglietti partono da 23 euro. Ecco le altre date italiane: 5 Settembre, Modena (MO) 13 Settembre, Bagnoli (NA) - Arenile Reload

Addio Lou Reed

Sono ancora sconosciute le cause della sua morte. Icona Rock per eccellenza Lou Reed ci lascia a 71 anni, cantautore e chitarrista che per 50 anni ha influenzato il mondo della musica. A Maggio aveva già subito un trapianto di fegato che non gli aveva permeso di iniziare un altro tour mondiale. Proveniente da una famiglia ebraica, Lou nasce a Long Island ed inizia sin dalla scuola a manifestare la sua passione per la musica e per la poesia. La sua carriera inizia nel 1964 con il suo trasferimento a New York City. Nel 1967 crea il gruppo The Velvet Underground, che presto diventerà un riferimento nel panorama newyorkese di quel periodo. I suoi versi provocatori, il suo timbro di voce inconfondibile, le collaborazioni con David Bowie ed Andy Warhol, la forte influenza dei versi del poeta Edgar Allan Poe, fanno di lui il mito della nostra epoca. Oggi la nostra colonna sonora non può non essere dedicata a questo mostro sacro del rock. Vi lascio con il brano "Take a walk on the wild side" e con il pensiero che in questo momento, in cielo o chissà dove, Lou stia brindando con tutte le altre icone dei nostri tempi.

Guarda il video